Consulenze strategiche e nuove Tecnologie digitali
per la Promozione del Territorio e il Turismo del Futuro

HOME PAGE IL TEAM TURISMEDIA IDEE E PROGETTI VIDEOCOMUNICAZIONE INNOVAZIONE

HOME PAGE

IL TEAM TURISMEDIA

IDEE E PROGETTI

VIDEOCOMUNICAZIONE

INNOVAZIONE




Guide Me Right

Il marketplace per acquisire esperienze locali in compagnia di un Local Friend

Il Local Friend è una persona del posto pronta a condividere col turista il proprio tempo libero e i propri stili di vita. Si va dallo shopping a un aperitivo in un locale caratteristico, fino a una gita alla scoperta delle bellezze della città non presenti sulle guide turistiche.

L'accompagnatore riceve un piccolo pagamento, deciso in anticipo: il tariffario dell'accompagnatore dipende dalla sua reputazione sul portale ed ogni esperienza ha un prezzo che solitamente varia dai 5 ai 20 euro, con punte più alte per servizi esclusivi.

La sua presenza consente di apprezzare molte cose che altrimenti i turisti difficilmente potrebbero vivere o vedere: comunque conoscere un luogo con qualcuno del posto è sempre un'altra cosa.

Guide Me Right fa parte delle otto startup selezionate dall'Associazione Startup Turismo - in base a scalabilità, qualità del team, grado di innovazione tecnologica e del modello di business - per un grande evento organizzato con il coworking StartMiUp e la community internazionale di viaggiatori Travel Massive.

E' interessante notare che Guide Me Right è ora sotto attacco di Confguide. Le parole della Presidenza di Confguide sono durissime e si basano sul presupposto Local Friends = Guide turistiche ufficiali. Un presupposto talmente semplice da risultare semplicistico ... e completamente sbagliato.

Ma si sa l'Italia è ormai la patria dei diritti acquisiti: grazie a decenni di distruzione sistematica dell'etica del lavoro da parte dei sindacati e dei politicanti, nessuno pensa più a fare del suo meglio per meritarsi un giusto guadagno. Tutti vogliono sfruttare solo le rendite di posizione, a partire proprio da sindacati e politicanti: così la competitività dell'Italia viene affossata in tutti i settori.





Guide Me Right

Il marketplace per acquisire esperienze locali in compagnia di un Local Friend

Il Local Friend è una persona del posto pronta a condividere col turista il proprio tempo libero e i propri stili di vita. Si va dallo shopping a un aperitivo in un locale caratteristico, fino a una gita alla scoperta delle bellezze della città non presenti sulle guide turistiche.

L'accompagnatore riceve un piccolo pagamento, deciso in anticipo: il tariffario dell'accompagnatore dipende dalla sua reputazione sul portale ed ogni esperienza ha un prezzo che solitamente varia dai 5 ai 20 euro, con punte più alte per servizi esclusivi.

La sua presenza consente di apprezzare molte cose che altrimenti i turisti difficilmente potrebbero vivere o vedere: comunque conoscere un luogo con qualcuno del posto è sempre un'altra cosa.

Guide Me Right fa parte delle otto startup selezionate dall'Associazione Startup Turismo - in base a scalabilità, qualità del team, grado di innovazione tecnologica e del modello di business - per un grande evento organizzato con il coworking StartMiUp e la community internazionale di viaggiatori Travel Massive.

E' interessante notare che Guide Me Right è ora sotto attacco di Confguide. Le parole della Presidenza di Confguide sono durissime e si basano sul presupposto Local Friends = Guide turistiche ufficiali. Un presupposto talmente semplice da risultare semplicistico ... e completamente sbagliato.

Ma si sa l'Italia è ormai la patria dei diritti acquisiti: grazie a decenni di distruzione sistematica dell'etica del lavoro da parte dei sindacati e dei politicanti, nessuno pensa più a fare del suo meglio per meritarsi un giusto guadagno. Tutti vogliono sfruttare solo le rendite di posizione, a partire proprio da sindacati e politicanti: così la competitività dell'Italia viene affossata in tutti i settori.





Guide Me Right

Il marketplace per acquisire esperienze locali in compagnia di un Local Friend

Il Local Friend è una persona del posto pronta a condividere col turista il proprio tempo libero e i propri stili di vita. Si va dallo shopping a un aperitivo in un locale caratteristico, fino a una gita alla scoperta delle bellezze della città non presenti sulle guide turistiche.

L'accompagnatore riceve un piccolo pagamento, deciso in anticipo: il tariffario dell'accompagnatore dipende dalla sua reputazione sul portale ed ogni esperienza ha un prezzo che solitamente varia dai 5 ai 20 euro, con punte più alte per servizi esclusivi.

La sua presenza consente di apprezzare molte cose che altrimenti i turisti difficilmente potrebbero vivere o vedere: comunque conoscere un luogo con qualcuno del posto è sempre un'altra cosa.

Guide Me Right fa parte delle otto startup selezionate dall'Associazione Startup Turismo - in base a scalabilità, qualità del team, grado di innovazione tecnologica e del modello di business - per un grande evento organizzato con il coworking StartMiUp e la community internazionale di viaggiatori Travel Massive.

E' interessante notare che Guide Me Right è ora sotto attacco di Confguide. Le parole della Presidenza di Confguide sono durissime e si basano sul presupposto Local Friends = Guide turistiche ufficiali. Un presupposto talmente semplice da risultare semplicistico ... e completamente sbagliato.

Ma si sa l'Italia è ormai la patria dei diritti acquisiti: grazie a decenni di distruzione sistematica dell'etica del lavoro da parte dei sindacati e dei politicanti, nessuno pensa più a fare del suo meglio per meritarsi un giusto guadagno. Tutti vogliono sfruttare solo le rendite di posizione, a partire proprio da sindacati e politicanti: così la competitività dell'Italia viene affossata in tutti i settori.



 PAGINE [ più recente: 2 ] [ archivio: 1 - ]

Powered by MMS - © 2017